Diario: postille colorate

Sono giorni interessanti e difficili. Ho fatto un’altra cosa che non è da me: all’interno di un gruppo ho avuto un’idea e l’ho messa in pratica. Non l’ho suggerita al più carismatico, non ho atteso che venisse anche a un altro e che lui agisse. Ho detto e ho fatto. Domani sera assisterò a un concerto. Poi passerò due giorni fuori casa, tornerò e voglio organizzare domani gli impegni del week end. Sono sempre io?

Tu sei molto molto preso e mi ringrazi perché ti sono vicina. E’ bello che tu lo faccia ed è anche giusto, non si può dare tutto per scontato. Ti rispondo però che questo è il mio modo di fare e di esserci. So che tu faresti lo stesso per me. Se non capisco quando hai la testa altrove e non ti appoggio e non ti abbraccio quando affronti qualcosa di difficile non siamo una coppia, ma due che consumano del tempo insieme ogni tanto. E’ una postilla alle nostre parole di stasera, una caramella sfuggita dal fondo del sacchetto, un pensiero colorato per te.

Advertisements

One thought on “Diario: postille colorate

  1. jgwolf says:

    Ottimo, è fondamentale prendere posizione. Non esagerare con la pianificazione, però: a volte è bello perdersi… altrimenti come ti ritrovi?
    Ovvio che questo commento è relativo solo alla prima parte del post… 😉

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s