Nina progresso: nerd wars!

Salva anche tu un commesso dall’orda nerd: porta anche tu una ventata di estrogeni in un Games Workshop!
Stamani alle 12.00, sudatina ma in tenuta stretch, mi ricordo che ho perso i miei dadi da D20 ed entro sorridente nel sopraccitato negozio. Il commesso che faceva da master a un tavolo di gioco di ruolo si alza e saluta, nessun altro volge gli occhi dal gioco. Un “buongiorno” diversi toni più acuto di tutte le voci mai udite in quel posto fa voltare tutti i presenti verso la fonte del suono. Nessuno riprende a giocare.

Nina: – Avete set di dadi da D20? –

Commesso con manuale di gioco ancora in mano: – ehm… No- e non si muove dal bancone.

Me ne vado, dicendo “peccato, grazie lo stesso” ma il commesso un po’ surfista, ossia alto e belloccio, resta in piedi con il suo manuale di Warhammer aperto e il sorriso che si spegne, pensando quanto era meglio fingersi gay per un posto da H&M.

Su, dai ragazze, non siate insensibili, passate anche voi a chiedere qualcosa a casaccio. Aderite alla campagna, fate sorridere un commesso surfista!

Advertisements

12 thoughts on “Nina progresso: nerd wars!

Add yours

      1. ora capisci perché ho avuto pietà di lui (e perché si sono girati tutti nel sentire la voce da femmina… ma proprio tutti! Mica sono la Schiffer…)

      2. ok, ma non sono un giocatore molto tecnico (:p) qualcuno mi ha suggerito che avrebbero potuto averli e mi sono fiondata in negozio. Come trentenne femmina di città i negozi non mi spaventano :p e neanche fare richieste assurde :ppp

      3. ahahahahha…. è che io abito con un warhammerista… ormai ne so qualcosa, anche se usi gli scenici (cioè le scenografie) apocalittici di 40K per fare i photoshooting alle mie ratte ^_*
        credo che non esista gioco più noioso e macchiavellico di quello. proprio da maschio nerd

  1. poverino, veramente. Lo dico anche se sono una giocatrice di ruolo, perché a Warhammer giocano praticamente solo maschi. Ne aveva almeno 4 al tavolo da gioco, tutti sotto i ventanni e 3 minorenni in giro per il negozio: 1 al bancone, 1 a guardare le miniature, 1 altro affondato dentro un manuale di gioco :op

  2. “… entro sorridente nel sopraccitato negozio” o forse era “…entro sorridente nei pensieri del sovraeccitato negoziante”? 🙂

    bravissima, viva gli estrogeni nei GdR!!! 8)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s

Powered by WordPress.com.

Up ↑

obsidianmirrorblog

A blog about writing fantasy fiction. And other stuff.

My Literary Quest

All things writing from an emerging novelist

A Small Wardrobe

Minimalism of the wardrobe, home and mind.

Pushing Ahead of the Dame

David Bowie, song by song

How to Be a Stoic

an evolving guide to practical Stoicism for the 21st century

Friendly Humanist

Trying to live by compassion and reason - thoughts on the journey

newbieminimalist

exploring minimalism in the UK

koolkosherkitchen

Welcome to my Kool Kosher Kitchen where food is fun and fun is to create food!

anotherdayinparadise

Travels in Paradise

Extra Life

Independent opinions on video games and films

Downtime

Rest Here - Home for video game content and Downtime Podcast

Eirik Jeistad

Fotograf | Galleri | Kurs

busy mockingbird

a messy collection of art projects, crafts, and various random things...

Healingtheworkplace's Weblog

Blogging about the workplace in the twenty-first century

Bunny Eats Design

Happy things, tasty food and good design

Yomuka!

Japanese translations about crusty old games we all still love!

%d bloggers like this: