Cavolo! (Degli zombie e d’altro)

image

Grazie a un’ondata che arriva televivamente parlando dagli USA (grazie Walking Dead) in questo periodo tornano di moda anche da noi gli Zombie. Film di Romero, film sul meteorite che risveglia i morti: scuola contagio, scuola risorti marcescenti è chiaro che gli zombie non godono di buona salute, che il loro problema è prima di tutto fisico e che bramano carne umana, in particolar modo, il cervello. 

Eppure, nel primo lungometraggio a tema zombie, anno 1932, non troviamo nulla di tutto questo. Nel classico dell’horror “White zombie”, con un sempre iconico Bela Lugosi che per una volta non fa il vampiro, gli zombie non si nutrono di carne umana. Non hanno fame di cervello, anzi, non hanno fame punto. Sono esseri privi di desideri. Non si decompongono perché non sono realmente morti e non hanno motivazioni perché non sono più del tutto vivi. Però sono utili. Eh sì, ben lungi dall’essere fuggiti per la loro bramosia di carne, gli zombie ammaestrati dal mefistofelico Lugosi sono corpi che non sentono la fatica, che obbediscono ciecamente e che, infatti, vengono sfruttati come schiavi, nella migliore tradizione filmica voodoo. Il loro malvagio padrone dalle sopracciglia a cespuglio invece di voglie ne ha, eccome. Desiderio di potere, di ricchezza e anche della bella giovane che ha ridotto allo stato di non morta inizialmente su commissione e che poi decide di tenere per sé.

Non vi svelo altro. Il film è uscito dalla tutela del copyright e potete guardarvelo comodamente in streaming da Youtube, nell’originale inglese. Da qualche parte potreste anche trovare dei sottotitoli e link per scaricarlo. Fatelo, non siate senza desideri, cercate di capire. Magari, mollate un attimo il vostro device del momento che vi rende lo sguardo appallato e vi dà quell’aria assente e la camminata incerta di chi va avanti con la testa altrove. Dai che poi se vi trovo in giro mi piglia uno spavento e mi guardo attorno cercando Lugosi con le sopracciglia cespugliose.

E buonanotte.

Advertisements

3 thoughts on “Cavolo! (Degli zombie e d’altro)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s