Essere fiume

image

Una volta, uno di quei tanti saggi che va di moda leggiucchiare distrattamente, disse che non si può cadere due volte nello stesso fiume. Seppure non abbia mai approfondito il pensiero di questo filosofo (perché San Google è venuto in mio soccorso e dice sia Eraclito ma ne so lo stesso quanto prima) ho rimuginato spesso questa frase come una mucca fa con il suo sacro foraggio. Il fiume scorre nel tempo e nello spazio in modo così evidente che troviamo banale ogni metafora che lo riguardi, ma ci sono luoghi comuni che non andrebbero lasciati all’incuria. Lo sconforto di molte massime zen sta nella brutalità della loro banalità ma credo sia uno schermo etichettare un concetto vero con un aggettivo che riguarda più il gusto che non la filosofia.

L’oggetto più duro da piegare è la nostra volontà. Non ci sono magli che tengano. Per questo la gente odia frasi come: se vuoi smettere di fumare basta non fumare. Oppure: se vuoi perdere grasso corporeo consuma di più e alimenta di meno. Le reazioni vanno da infastiditi: parli facile! a sonori vaffa!. In una scala da 0 a 3.

Terminato il pistolotto che volevo dire con il bagnarsi, il fiume e la gente che ha le suole saponate?

Che non incontrerai due volte lo stesso fiume perché il fiume sarà un altro e anche tu lo sarai. Quindi, non esistono un mai e un sempre e non ha molto senso neppure dire: sono fatto così. Non possiamo prevedere con certezze cosa ci accadrà domani in base a quanto accaduto oggi. Soprattutto, domani non saremo ciò che siamo oggi. L’universo ci attraversa ogni momento e noi siamo le nostre membra, il tavolo a cui ci appoggiamo, l’aria che respiriamo, le stelle sopra di noi e il magma nel cuore della Terra. Siamo un momento di coscienza. Siamo morti e di nuovo vivi ogni istante. Le molecole che adesso sono parte di noi sono state gas, polvere, metallo, stelle, erba, luce e fra un istante… sono già lontane.

Come essere umano esprimo me stessa anche attraverso linguaggi formali ed ecco che una parte di me che è solo nella mia mente ora si muove nel mondo. Leggendo anche una sola parola sei stato toccato, ho cambiato un poco la mia realtà e la tua. Come il Plasmatore mi riconosco un’essenza che modello a ogni respiro e con essa tutto il mio mondo. Sono la creazione e l’intelletto, una sola goccia e l’intero mare. Come te.

Advertisements

2 thoughts on “Essere fiume

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s