5 – Un passo indietro

image

Ti senti pronta a raccontare cosa ti è accaduto?

 E’ semplice. Una voce al telefono mi disse che c’era stato un incidente, che dovevo riconoscere un corpo. Risposi sì e scrissi l’indirizzo, ma continuavo a pensare nonèvero nonèvero nonèvero. Ero in un ristorante con i nostri amici. Lo stavamo aspettando. Lo dissi a una ragazza che sedeva accanto a me. Non ricordo chi fosse. Mi spiace non ricordarmi di lei perché è fra i nostri migliori amici ma proprio non so. Una faccia come tante, anzi, una voce senza faccia e senza corpo. Lei ha pensato di certo a uno scherzo perché mi ha voltato la faccia per guardarmi bene negli occhi. Poi ha capito e mi ha accompagnato fuori. Qualcun altro lo ha detto a tutti gli altri. Poi ricordo che ero a casa e che qualcuno mi teneva stretto e cercava di scaldarmi. Sentivo dire: mio dio, è gelata.
Il giorno dopo qualcuno mi ha portato a quell’indirizzo che avevo scritto sul biglietto al ristorante. Perché me l’hanno fatto vedere? Non potevano lasciarmi fredda e stupita per sempre? Dopo averlo visto è stato molto peggio. Qualcuno mi trascinava via da quella stanza mentre una donna continuava a urlare. Credo che fossi io perché il giorno dopo non potevo parlare. Vidi sua madre. Incontrai suo padre.
Venne la notte e una di quelle ragazze che erano sempre in casa mia, a farmi mangiare, a farmi bere, a controllare che non restassi sola e non mi chiudessi in bagno si addormentò. Io no. Presi le chiavi dell’auto e guidai. Credo sia arrivato il giorno e poi sia tornata la notte e c’era la luna. Bianca. Luminosa. Una luna enorme. Era sopra di me mentre la mia auto affondava in un fosso. Ma io sono uscita. L’attimo dopo camminavo nel campo. Non ricordo se avevo o meno le scarpe. Sono certa di aver toccato la terra umida e fredda. Poi la luna…
Cosa?
Luna. Luna è arrivata a darmi i bacini mentre dormivo nel campo
I bacini? Quel cagnone ti ha leccato tutta la faccia e ti ha anche masticato i capelli! Non ti svegliavi più!
Mi spiace
E di cosa, tesoro?
Di non ricordare il mio nome
Racconto che segue a:
Advertisements

2 thoughts on “5 – Un passo indietro

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s