Things that never change

image

“Esistono alcune cose a questo mondo, capitano Niobe, che non cambieranno mai… Altre, invece, cambiano…”

There are some things in this world, Captain Niobe, that will never change… Some things do …”
(english version at the bottom)

Così dice il buon Morpheus in Matrix Reloaded alla sua ex fiamma Niobe, durante uno dei dialoghi più profondo-ridicoli della saga. Non ho mai saputo se mettermi a riflettere o ridere davanti a quella scena che oggi mi è tornata in mente davanti a eventi piuttosto scoccianti. E’ bello mantenere dei punti fermi nella propria vita, come la passione per il tè, l’amore-odio per il cioccolato, la nostalgia-repulsione per la mia terra d’origine, la mania di raddrizzare i quadri e il bisogno di scrivere proprio quando dovrei scappare in bagno. Sto infilando questi piccoli punti nel ricamo dei miei nuovi giorni e, ogni volta che ne riconosco uno, sorrido. Meno bello è specchiarsi nel bagno della palestra (l’unico luogo privato di quell’osceno spogliatoio) e notare che mentre la pancia si è rimodellata, i fianchi si sono asciugati, le cosce si sono scolpite, la tua principale nemica continua a penzolare dal fondo del gluteus maximus.

Ma cosa devo fare per eliminarti? Com’è che riesco a darti il foglio di via? A eradicarti? A farti sparire dalla mia vista e dai miei orizzonti? Dannata!

Quale sarebbe il tuo motto imperituro? Resistere? Ma devo perdere ogni singola cellula di grasso dal mio backyard per non vederti mai più?

Maledetta! Sbuffo come un montone su ogni singolo attrezzo, sento bruciare muscoli che si straziano e s’ingrandiscono e tu, appesa lì sotto, fai apparire tutto flaccido come il primo giorno di palestra. Sappi, carina, che avrò la tua testa! Non accetto la tua presenza. Non mi arrendo. Tu resisti sin che puoi che adesso riceverai ogni giorno dai 2 ai 2 litri e mezzo di acqua per diluirti, verrai bombardata dagli integratori e sabotata da massaggi con creme infernali. Stai per morire, ragazza, stai per scioglierti, liquefarti, stai per essere filtrata dai reni e gettata giù per la cloaca maxima. Sei morta e se ancora non lo sai ti sto portando il messaggio.

So says good Morpheus in “The Matrix Reloaded” to his former flame Niobe, during one of the deepest-ridiculous dialogue of the saga. I never knew if I have to think or to laugh in front of that scene that today I reminded of past because of unpleasant events. It is nice to keep some fixed points in my life, as the passion for tea, the love-hatred for chocolate, the nostalgia-repulsion for my homeland, the craze to straighten out the pictures and the need to write just when I have to run to the bathroom. I’m putting these little points in the embroidery of my new days, and every time I recognize one of them, I smile. Less nice is looking in the mirror of the bathroom of the gym (the only reserved place of that dantesque dressing room) and noticing that while the belly is remodeled, the sides have dried, the thighs are sculpted, your main enemy continues to hang over the bottom of your gluteus maximus.

What should I do to eliminate you? How can I banish you? Eradicate you? To get you out of my sight and my horizons? Damned you!

What would be your motto decays? “Forever and ever”? Do I have to lose every single fat cell in my “backyard” not to see you again?

Damn! I snort like a ram on each tool of the gym. My muscles burn and suffer and enlarge but because of you, hanging down there, my butt looks flabby like the first day of my workout. You have to know, my dear, that I’ll have your head! I do not accept your presence. I do not give up. You cant try to resist but since today you’ll receive every day from 2 to 2 and a half liters of water to dilute you. You will be bombed by integrators and sabotaged by massage with hell creams. You are going to die, honey, you’re going to melt, to be liquified. You’re going to be filtered by the kidneys and thrown down the cloaca maxima. You’re dead and if you still do not know it I’m bringing you the message.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s